Monthly Archives: November 2011

L’IDENTITÀ DELLA FAMIGLIA MAZENODIANA: UN “CORPO SCELTO” NELLA CHIESA

È stato solo dopo il Concilio Vaticano II che la parola carisma ha iniziato ad essere usata per descrivere le caratteristiche particolari donate da Dio ad una famiglia religiosa, ma è esattamente questo il concetto a cui Eugenio fa riferimento … Continue reading

Posted in lettere | Tagged , , | Leave a comment

L’IDENTITÀ DELLA FAMIGLIA MAZENODIANA: L’OBLAZIONE COME SPIRITO CHE LA DISTINGUE DAGLI ALTRI GRUPPI

Qual è la spiritualità specifica della nostra esistenza? Eugenio la identifica nell’oblazione Nostro Signore ci ha affidato la missione di continuare la grande opera della redenzione… Questa dedizione totale alla gloria di Dio, al servizio della Chiesa e alla salvezza … Continue reading

Posted in lettere | Tagged , , , | Leave a comment

L’IDENTITÀ DELLA FAMIGLIA MAZENODIANA: CONTINUARE LA GRANDE OPERA DELLA REDENZIONE DELL’UMANITÀ

Ecco che Eugenio tocca il cuore della vocazione dei Missionari- l’unico motivo per cui la famiglia mazenodiana esiste è per cooperare con Gesù Cristo nella sua opera di redenzione. Un anno più tardi, Eugenio avrebbe definito gli Oblati come “cooperatori … Continue reading

Posted in lettere | Tagged , , | Leave a comment

L’IDENTITÀ DELLA FAMIGLIA MAZENODIANA: TUTTO PER DIO E AL SERVIZIO DEGLI ALTRI

Il periodo che Eugenio trascorse a Parigi coincise con il momento in cui il Governo di Luigi XVIII stava cercando di porre riparo alla distruzione della Chiesa operata dalla Rivoluzione e da Napoleone. Uno dei compiti era volto a ricostituire … Continue reading

Posted in lettere | Tagged , , , | Leave a comment

APPREZZO QUESTA FAMIGLIA PREDILETTA PREFERENDOLA A TUTTO QUANTO IL MONDO PUÒ OFFRIRE

Dopo Dio, il più importante centro della vita di Eugenio era rappresentato dalla famiglia religiosa a cui apparteneva. Dopo sei settimane di permanenza a Parigi, Eugenio sente la separazione divenire ogni giorno più acuta: Ma sapete che io mi sento … Continue reading

Posted in lettere | Tagged | Leave a comment

LA COMUNITÀ NON È UN ALBERGO

Eugenio continua le sue riflessioni sulla comunità e sull’impegno di ogni suo membro. Usa il concetto di casa non per intendere un luogo fisico, quanto il posto in cui la comunità prende forma. Bisogna inoltre nutrire affezione per la casa. … Continue reading

Posted in lettere | Tagged | Leave a comment

I SACERDOTI VIZIOSI O CATTIVI SONO LA GRAVE PIAGA DELLA CHIESA

Se Eugenio si trovava a Parigi era proprio perché alcuni preti di Aix avevano attaccato i Missionari di Provenza. Egli cercava quindi un sostegno e una maniera per rispondere a questo attacco, in modo da assicurare l’esistenza della sua comunità … Continue reading

Posted in lettere | Tagged , | Leave a comment

FAI BRILLARE LA TUA LUCE PER PORTARE VITA ALLA CHIESA FERITA E AL MONDO

Le esperienza che Eugenio aveva vissuto l’avevano portato a contatto diretto con le ferite che la Rivoluzione Francese aveva inflitto alla Chiesa e con il vuoto seguito alla distruzione degli antichi ordini religiosi. Durante l’esilio a Venezia egli aveva trascorso … Continue reading

Posted in lettere | Tagged , | Leave a comment

COMUNITÀ: SE SAPESSIMO PREGAR MEGLIO AVREMMO PIÙ CORAGGIO.

Mentre Eugenio si trovava a Parigi per prendersi cura delle pratiche amministrative della Congregazione, ebbe tempo per riflettere sui primi 18 mesi di vita dei Missionari di Provenza. Da come scrive sembra chiaro che stia abbozzando la prima Regola di … Continue reading

Posted in lettere | Tagged , , | Leave a comment

LA COMUNITÀ È QUALCOSA DI PIÙ DI UN GRUPPO DI GENTE VICENDEVOLMENTE GENTILE

Insistendo con Tempier e con la comunità, affinché lavorassero duro per continuare a “ rendere la nostra casa un paradiso in terra”, Eugenio sottolinea alcune delle caratteristiche necessarie a raggiungere questo obiettivo. Dovevano evitare di essere egocentrici, essere zelanti verso … Continue reading

Posted in lettere | Tagged | Leave a comment